×

Sappiamo tutti quanto sia importante giocare con i propri bambini e mangiare sano. Perché dunque non unire le due cose? I vostri piccoli chef ne saranno entusiasti e per voi sarà un modo per spendere un po' del cosiddetto “quality-time” con loro. Non preoccupatevi della loro età. Sia che siano molto piccoli, in età scolastica o grandi abbastanza da usare i social media poco importa: c'è sempre un modo per coinvolgerli in cucina!

Prima di partire un occhio doveroso all'igiene. I bambini amano sporcarsi le mani, che sia giocando nel cortile di casa o sul pavimento, l'effetto è lo stesso. Prima di cominciare a cucinare fategli prendere la buona abitudine di lavarsi ed asciugarsi le mani: a quel punto il divertimento può cominciare. Ecco alcuni consigli!

Scegliere una ricetta semplice

Un fattore chiave per far appassionare i bambini alla cucina, risiede nello scegliere una ricetta piuttosto semplice e facile da seguire. Infatti più saranno coinvolti e più si divertiranno: quindi, come regola generale, optate per una ricetta non complicatissima e in cui possano mettere mano in ogni fase della preparazione.

Cucinare con ingredienti familiari

I bimbi saranno molto più a loro agio se dovranno misurarsi con ricette che contengono ingredienti che conoscono bene, per cui assicuratevi di non scegliere pietanze, verdure o condimenti cui non sono minimamente abituati.

Ricette a prova di bambino

Cercate sempre di scegliere delle ricette che contemplino piccoli compiti che ogni bambino è perfettamente in grado di svolgere. Ecco alcuni suggerimenti in base all'età:

  • 2/4 anni: riempire e svuotare contenitori, mischiare ingredienti freddi in grosse scodelle, riempire i vassoi per i cupcakes, arrotolare la pasta, impastare il pane, tagliare l'impasto con apposite formine, risciacquare con l'acqua fredda.
  • 4/6 anni: oltre a tutte le precedenti è possibile aggiungere qualche operazione molto semplice di taglio (con coltelli appositi per bambini), misurare il peso sulla bilancia o i liquidi negli appositi contenitori, guarnire la pizza, dividere l'impasto, grattare, lavare in acqua calda con i guanti.
  • Sopra 6 anni: sbucciare le verdure (sempre con uno strumento sicuro), mescolare ai fornelli (sotto supervisione), mischiare ingredienti caldi e freddi, appianare la carne, mischiare o arrotolare polpette, macinare le spezie nel mortaio col pestello, dividere in spicchi l'aglio.

Ovviamente, adattate tutte le sopra citate attività a seconda delle capacità dei vostri bambini: nessuno può conoscerli meglio di voi e sapere cosa è più o meno idoneo;)

Dare il tempo giusto

Dopo aver fornito ai bambini gli ingredienti necessari, lasciate loro il tempo di sperimentare (e perché no, sbagliare). I più piccoli si occuperanno di assemblare ogni singolo ingrediente (separandoli gli uni dagli altri), mentre quelli un po' più grandi potranno prendersi cura della loro combinazione e di deporli in strati diversi in ricette non complesse come per pizza o dolci.

Mischia e Mescola!

Mescolare i cibi è da sempre una degli esercizi di cucina in grado di catturare maggiormente l'attenzione e l'interesse dei più piccoli ( e di tenerli quasi ipnotizzati!). E' divertente da fare, da osservare e da svolgere in compagnia. Regola fondamentale: più piccolo/a è il bambino/a, più grande deve essere il recipiente dentro cui procedere alla mescola. Tutto a salvaguardia dell'ordine della vostra cucina ;)

Il tocco artistico

Cercate di lasciar andare la fantasia dei bambini, lasciandoli liberi di provare soluzioni alternative in modo che alla lunga il tutto non si tramuti in una serie di azioni meccaniche volte solo a produrre del cibo. Piccole mansioni come arricciare i bordi delle torte o modellare a loro piacimento la pasta dei biscotti sono l'esempio ideale!

Lettura delle ricette

I vostri bambini non sono ancora pronti (o così interessati) a sporcarsi le mani con olio, sughi o salse varie? Fargli leggere le ricette mentre voi preparate il tutto può essere un buon viatico per avvicinarli alla cucina, facendoli sentire partecipi e con il valore aggiunto di migliorare le loro abilità di lettura.

Rendere il tutto divertente!

Fare in modo che cucinare sia spassoso è la chiave del successo. Se guardate al cucinare come a un compito da assolvere piuttosto che a un divertimento, la stessa sensazione (ancora più aggravata) si ripercuoterà sui bambini. Indossate un grembiule e un cappello da chef, mettete su un po' di musica di sottofondo e mostrate loro con l'atteggiamento giusto quanto può essere divertente spendere del tempo in cucina!

Come divertirsi a cucinare insieme ai bambini

Preparate qualcosa da fare per “ammazzare” le attese

E' molto facile per la maggior parte dei bambini perdere l'interesse se vi sono lunghi periodi di attesa durante la fase di preparazione dei cibi. E' bene dunque avere pronti degli assi nella manica da giocarsi in questi momenti, così che non perdano l'abbrivio e il senso del divertimento. Possono essere anche piccoli lavoretti come caricare la lavastoviglie, riordinare la tavola oppure lavare a mani gli attrezzi utilizzati.

A tavola tutti insieme!

La parte più gustosa di un pasto preparato con i bambini è quella di mangiarlo tutti assieme, ridendo e scherzando sui successi (e sugli inconvenienti) di tutta l'attività. Parlare di ciò che si è fatto, di cosa è piaciuto di più fare ai bambini, di cosa vorrebbero preparare la prossima volta e congratularsi per il lavoro fatto. Un modo carino per ricordare il tutto è quello di tenere un “libro di ricette di famiglia” in cui annotare tutti i piatti che si sono fatti, conditi da foto ricordo indimenticabili.

Spero che questi consigli possano aiutarvi a far divertire un mondo sia voi che i vostri bambini!